Difficoltà di erezione e depressione

DIFFICOLTÀ DI EREZIONE E DEPRESSIONE

Gli uomini depressi sperimentano spesso la difficoltà di erezione, e gli uomini con difficoltà di erezione sono spesso depressi.
Negli uomini di mezza età e negli anziani, la depressione e la difficoltà di erezione sono comuni e spesso vi è comorbidità. Il rapporto tra depressione e difficoltà di erezione sembra essere bidirezionale: la presenza di alterazioni in una di queste condizioni può essere la causa, o la conseguenza dell’altro. Per esempio, nei maschi depressi, la difficoltà di erezione può essere un sintomo di depressione o una conseguenza da trattamento come effetto collaterale di farmaci antidepressivi. In alternativa, gli uomini con difficoltà di erezione possono sviluppare una depressione “secondaria” come reazione allo stress biopsicosociale comunemente associati con perdita di funzione sessuale.
La difficoltà di erezione, definita come l’incapacità di ottenere e mantenere un’erezione sufficiente per un rapporto sessuale soddisfacente o altra espressione sessuale, colpisce fino alla metà degli uomini oltre i 50 anni. Si tratta di un fenomeno associato a cattive condizioni di salute, il fumo, il diabete, malattie cardiache, ipertensione, iperlipidemia, e abuso di sostanze.
Anche se la difficoltà di erezione e la depressione sono in comorbidità, la relazione causale non è ben chiara. Ci sono cinque modelli, non si escludono, che possano essere utilizzati per comprendere la coesistenza di entrambe le condizioni. In primo luogo, il disagio psico-sociale che è sempre parte della difficoltà di erezione potrebbe favorire lo sviluppo di una malattia “secondaria” depressiva in individui vulnerabili. In secondo luogo, la difficoltà di erezione può essere un sintomo di depressione: disturbo depressivo maggiore è associata a diminuzione della libido, diminuzione della funzione erettile, e diminuita attività sessuale. Inoltre, un sottogruppo di uomini con disturbo depressivo maggiore sviluppa una perdita reversibile della tumescenza peniena notturna, il che suggerisce che la malattia depressiva può interferire con la neurofisiologia. In terzo luogo, il trattamento con farmaci antidepressivi potrebbe portare alla difficoltà di erezione, anche se la perdita di libido ed eiaculazione ritardata sembrano essere gli effetti collaterali più comuni. Quarto, un fattore comune (ad esempio, alcool, malattie cardiovascolari , o ipogonadismo) potrebbe essere eziologicamente correlata ad entrambe le condizioni. Infine, la depressione e la difficoltà di erezione, potrebbero essere una coincidenza.
Attualmente, il sildenafil è un terapia di prima linea per la maggior parte dei pazienti con difficoltà di erezione. Sildenafil è un inibitore competitivo di cGMP-specifica fosfodiesterasi di tipo 5, l’isoenzima predominante che causa la riduzione di cGMP nei corpi cavernosi dell’uomo. Dopo la stimolazione sessuale, il rilascio di ossido di azoto induce la formazione di cGMP da guanilato ciclasi all’interno del muscolo liscio del corpo cavernoso. Sildenafil amplifica l’effetto della stimolazione sessuale ritardando la degradazione di cGMP da fosfodiesterasi di tipo 5. Sildenafil ha dimostrato di essere sicuro ed efficace negli uomini con difficoltà di erezione causata da diabete, lesioni del midollo spinale, e trattamenti per il cancro alla prostata. Tuttavia, non esistono studi prospettici ad oggi condotti negli uomini con difficoltà di erezione e depressione concomitante.
L’efficacia, la tollerabilità, e la relativa facilità d’uso del sildenafil, insieme con i dati suggeriscono che gli uomini depressi rispondono meno bene ai trattamenti più invasivi per la difficoltà di erezione, sollevando due questioni clinicamente rilevanti rispetto al trattamento di uomini con depressione e la difficoltà di erezione. In primo luogo, è la presenza di depressione a influenzare la risposta al trattamento della difficoltà di erezione al sildenafil? In secondo luogo, un efficace trattamento della difficoltà di erezione influisce sulla comorbidità di depressione e le relative qualità della vita?

La depressione e la difficoltà di erezione sono condizioni altamente prevalenti e spesso di comorbidità negli uomini di mezza età e anziani. L’efficacia di sildenafil è stata dimostrata in studi clinici controllati verso placebo su larga scala . L’entità della differenza tra coloro che usano sildenafil ricezione e quelli trattati con placebo nel numero di rispondere “sì” alla domanda di efficacia globale 1 (“Il trattamento migliora le vostre erezioni?”) Variava dal 46% negli uomini diabetici al 72% negli uomini con lesioni al midollo spinale . I risultati di questo studio indicano che il sildenafil può essere efficace per il trattamento della difficoltà di erezione negli uomini moderatamente depressi: il 90,9% dei soggetti trattati con sildenafil hanno risposto “sì” alla domanda di efficacia globale 1 rispetto all’ 11,4% dei soggetti che hanno ricevuto placebo , una differenza del 79,5%. Analogamente, l’entità dei cambiamenti della qualità della vita osservati in questo studio era maggiore di quello osservato in precedenti studi con sildenafil. Tuttavia, i risultati di questo studio suggeriscono che gli uomini con difficoltà di erezione e depressione in comorbidità possono essere tra quelli più adatti a rispondere positivamente al trattamento con sildenafil.

La maggiore limitazione metodologica di questo studio riguarda i criteri diagnostici utilizzati per definire la depressione. Due dimensioni sono generalmente considerate al momento di stabilire i criteri di inclusione per i pazienti con fenomenologia depressiva: diagnosi DSM e la gravità. Abbiamo pensato di utilizzare i criteri di inclusione standard per gli studi clinici di trattamenti antidepressivi, cioè, criteri DSM-IV per il disturbo depressivo maggiore ed un minimo di punteggio di depressione sulla scala Hamilton. Sebbene questo approccio avrebbe definito meglio lo stato psichiatrico, non avrebbe incluso la maggior parte degli uomini con difficoltà di erezione che hanno significativi sintomi depressivi concomitanti. Questo studio ha dimostrato che un efficace trattamento della difficoltà di erezione ha un effetto positivo sull’umore e la qualità della vita negli uomini depressi in cerca di trattamento per la difficoltà di erezione. Sildenafil ha offerto un’opportunità unica per studiare la depressione “secondaria”, vale a dire, la depressione associata a un disturbo medico specifico. Anche se è generalmente accettato che la risoluzione di una condizione medica associata porterà alla remissione della depressione “secondaria”, questa ipotesi non è stata suscettibile di studio sistematico, dal momento che la depressione secondaria di solito si verifica nel contesto di malattie mediche croniche. L’efficacia del sildenafil per il trattamento della difficoltà di erezione offre la possibilità di “rimuovere” la difficoltà di erezione in alcuni uomini e quindi verificare l’ipotesi della depressione secondaria. I risultati di questo studio dimostrano che il successo del trattamento di questa condizione medica negli uomini depressi è associata con la remissione depressiva.
Diverse spiegazioni possono essere offerte per la forte associazione osservata tra miglioramento della difficoltà di erezione e relativi miglioramenti di umore e la qualità della vita. E’ possibile che la difficoltà di erezione è un sintomo di depressione e che la remissione spontanea depressiva porti ad una risposta positiva alla difficoltà di erezione in alcuni uomini. Infine, è possibile che la non risposta al trattamento della difficoltà di erezione è l’agente “attivo” in queste relazioni come marker di prognosi infausta per la depressione. Infatti, la difficoltà di erezione sembra essere una sentinella per malattie cardiovascolari , e la mancata risposta alla difficoltà di erezione può essere un marker di gravità aterosclerotica. Negli uomini depressi, la malattia aterosclerotica può avere un impatto negativo sulla prognosi grave di disturbo depressivo. In questo contesto, sarebbe importante valutare l’efficacia degli antidepressivi convenzionali in soggetti che non rispondono al trattamento della difficoltà di erezione.

I risultati di questo studio suggeriscono che il successo del trattamento della difficoltà di erezione negli uomini depressi può portare ad un sensibile miglioramento nella depressione. Tuttavia, questo era un unico studio condotto per 12 settimane negli uomini con difficoltà di erezione e da lieve a moderata depressione.

Dott. Pierpaolo Casto - Psicologo e Psicoterapeuta - Specialista in Psicoterapia Cognitiva e Comportamentale - PER APPUNTAMENTO: Viale Mazzini, 76 CASARANO ( Lecce ) Tel. 328 9197451 © 2016 Frontier Theme
IL VIDEOCORSORICHIEDILO