I disturbi sessuali: quali sono e come sono

DISTURBI SESSUALI

 

Alla fine del 1950, due avvenimenti hanno dato inizio ad un nuovo approccio al trattamento delle disfunzioni sessuali; il primo è stata la pubblicazione di Semans, che descrive una tecnica molto semplice per trattare l’eiaculazione precoce; il secondo avvenimento è stata la pubblicazione di Wolpe, che descriveva le procedure di condizionamento per il trattamento delle disfunzioni sessuali. Queste tecniche non hanno suscitato grande attenzione, cosa che invece è successa nel 1970 con la pubblicazione Masters e Johnson’s sull’inadeguatezza sessuale e sul programma completo per la terapia delle disfunzioni sessuali. Da allora sono stati pubblicati numerosi articoli sulla terapia sessuale, sono nate cliniche di terapia sessuale e sono state aggiunte numerose terapie.

 

 

DEFINIZIONE DEI DISTURBI SESSUALI

 

Le disfunzioni sessuali sono dei problemi comportamentali che impediscono ad una coppia di godersi il rapporto sessuale, esse si differenziano dalle variazioni sessuali, nelle quali un individuo può scegliere un tipo di rapporto non convenzionale e decidere di impegnarsi per avere successo. Masters e Johnson’s hanno suddiviso i modelli di risposta sessuale in entrambi i sessi, in quattro fasi specifiche:

 

-eccitazione;

-fase di plateau;

-fase di orgasmo;

-fase di risoluzione.

 

Sulla base di tali divisioni, le disfunzioni sessuali sono percepite come disturbi di una o più fasi del ciclo di risposta sessuale o dolore associato al rapporto.

 

 

 

CLASSIFICAZIONE DEI DISTURBI SESSUALI

 

Hogan ha suddiviso le disfunzioni sessuali in maschili e femminili; per il maschio possono essere fallimento erettile, eiaculazione ritardata, eiaculazione precoce e la dispareunia. In passato per le prime tre disfunzioni veniva usato il termine impotenza. Tuttavia è importante distinguere tra queste tre patologie, così come affermano Kaplan e Masters e Johnson’s, poiché tutti e tre i disturbi differiscono sia fisiologicamente che nella risposta al trattamento.

 

INSUFFICIENZA ERETTILE

 

E’ l’incapacità del maschio di raggiungere o mantenere l’erezione a tal punto che evita di impegnarsi per avere un rapporto soddisfacente.

 

EIACULAZIONE TARDIVA

 

Viene chiamata anche incompetenza giaculatoria, è un disordine in cui l’uomo soffre di eiaculazione ritardata o l’incapacità ad eiaculare per via intravaginale.

 

EIACULAZIONE PRECOCE

 

E’ l’opposto dell’eiaculazione tardiva; il paziente eiacula prima o subito dopo aver inserito il pene nella vagina del suo partner. Non ci sono criteri oggettivi per stabilire cos’è che provoca l’eiaculazione precoce; anche se i dati dimostrano che l’aumento della latenza giaculatoria oltre i sette minuti, non è da associare ad un aumento dell’incidenza dell’orgasmo durante il coito per le donne, e che la durata media di un rapporto per l’uomo varia tra i quattro e i sette minuti. Si potrebbe dire che una latenza dell’eiaculazione di meno di quattro minuti può essere indicativo per il trattamento. Ovviamente concorrono diversi fattori come: la stimolazione dei genitali del maschio, ritardare l’eiaculazione attraverso pensieri antierotici, mordersi la lingua o indossare il preservativo. E’ molto più semplice dire cosa l’eiaculazione precoce non è: entrambi i partner affermano che la qualità dei rapporti sessuali non è influenzata dagli sforzi per ritardare l’eiaculazione.

 

DISPAREUNIA

 

Tale disfunzione si configura come rapporti sessuali dolorosi ed in genere è causata da fattori organici.

 

 

 

Le disfunzioni sessuali femminili sono state suddivise in cinque gruppi:

 

-disfunzione sessuale generale;

 

-disfunzione orgasmica;

 

-frigidità;

 

dispareunia;

 

-vaginismo.

 

 

DISFUNZIONE SESSUALE GENERALE

 

Consiste nella inibizione della risposta sessuale, in modo tale da sviluppare poco o niente, la lubrificazione vaginale. Tale disturbo viene vissuto dalla donna come mancanza di sentimenti erotici. Questa disfunzione è stata riconosciuta da Kaplan nel 1974 e così definita; altri ricercatori classificano i pazienti che soffrono di questo disturbo come “freddi”.

 

DISFUNZIONE ORGASMICA

 

Consiste nella inibizione della fase di orgasmo da parte della donna; è suddivisa in primaria quando cioè il paziente non ha mai avuto un orgasmo in nessun modo; e secondaria, quando il paziente ha avuto un orgasmo almeno una volta attraverso una qualche stimolazione sessuale.

 

FRIGIDITA’

 

Questo termine è usato per riferirsi alla disfunzione orgasmica in generale e per le disfunzioni sessuali, ma esso non dà nessuna informazione su quale delle due componenti della risposta sessuale sia stata inibita.

 

VAGINISMO

 

E’ una condizione in cui la vagina si chiude ermeticamente impedendo la penetrazione, è causata da una contrazione involontaria spastica dei muscoli che circondano la vagina.

 

Le disfunzioni sessuale non provocate da disturbi organici sono almeno dieci, e sono la perdita di desiderio sessuale, l’avversione sessuale, la mancanza di piacere sessuale, il fallimento della risposta genitale, la disfunzione orgasmica, il vaginismo non organico, l’eccessiva pulsione sessuale ecc…

……………

 

DISTURBI SESSUALI

La disfunzione sessuale o malfunzionamento sessuale si riferisce ad una difficoltà vissuta da un individuo o una coppia durante qualsiasi fase di una normale attività sessuale, tra cui il desiderio, preferenza, l’eccitazione o l’orgasmo. Le disfunzioni sessuali possono avere un profondo impatto sulla qualità percepita della vita sessuale di un individuo. E’ importante  una completa valutazione della storia sessuale e di altri problemi sessuali (eventuali) di salute generale.  La valutazione (performance) di ansia, senso di colpa, lo stress e la preoccupazione sono parte integrante della gestione ottimale delle disfunzioni sessuali.

 Categorie

I disturbi disfunzioni sessuali possono essere classificati in quattro categorie: Disturbi del desiderio sessuale, disturbi dell’eccitazione, disturbi dell’orgasmo e disturbi del dolore.

 

Disturbi del desiderio sessuale: disturbo da desiderio sessuale ipoattivo

I disturbi del desiderio sessuale o diminuzione della libido sono caratterizzati da una mancanza o assenza per un certo periodo di tempo di desiderio sessuale o di fantasie sessuali. La condizione varia da una generale mancanza di desiderio sessuale ad una mancanza di desiderio sessuale per il partner attuale. La condizione può insorgere anche dopo un periodo di normale funzionamento sessuale o la persona può sempre aver avuto un basso desiderio sessuale.
Le cause variano notevolmente, ma includono una possibile diminuzione della produzione di estrogeni normali nelle donne e testosterone negli uomini. Altre cause possono essere l’invecchiamento, la stanchezza, la gravidanza, i farmaci (come  SSRI) o di condizioni psichiatriche, come la depressione e l’ansia.  La perdita di libido da SSRI si inverte di solito dopo la sospensione di SSRI, ma in alcuni casi non è così. Nonostante siano spesso citate un certo numero di cause di calo del desiderio sessuale, solo alcuni di queste sono mai state oggetto di ricerca empirica. Molti si basano interamente sulle impressioni di terapeuti.

 

I disturbi dell’eccitazione sessuale: disturbo dell’eccitazione sessuale

I disturbi dell’eccitazione sessuale erano precedentemente conosciuti come frigidità nelle donne e impotenza negli uomini, oggi sono stati sostituiti con  termini meno discrezionali. L’impotenza è ora conosciuta come disfunzione erettile e frigidità  e come una serie di termini che descrivono problemi specifici, per esempio, il desiderio o eccitazione.
Per uomini e donne, queste condizioni possono manifestarsi come una avversione per, o esitamento del contatto sessuale con un partner. Negli uomini, ci può essere il fallimento parziale o completo di raggiungere o mantenere un’erezione, o una mancanza di eccitazione sessuale e di piacere in attività sessuali.
Ci possono essere cause mediche a questi disordini, come la diminuzione del flusso sanguigno o la mancanza di lubrificazione vaginale. Può anche contribuire la malattia cronica, così come la natura del rapporto tra i partner.

 

La disfunzione erettile

La disfunzione erettile o impotenza è una disfunzione sessuale caratterizzata dall’ incapacità di sviluppare o mantenere un’erezione del pene. Ci sono varie cause, come i danni ai nervi che ostacolano o ritardano l’erezione, o il diabete e le malattie cardiovascolari, che diminuiscono semplicemente il flusso di sangue ai tessuti del pene, molti dei quali sono medicalmente reversibili.
Le cause della disfunzione erettile possono essere psicologiche o fisiche. La disfunzione erettile psicologica può spesso essere risolta con la psicoterapia, il danno fisico è molto più grave. Una prima causa fisica della DE è un danno continuo o grave ai nervi, e possono essere danneggiati in chirurgia della prostata e del colon-retto.
Grazie alla sua natura imbarazzante e la vergogna sentita da chi soffre, l’argomento  è stato per molto tempo, ed è oggetto di molte leggende metropolitane. Rimedi popolari sono stati a lungo sostenuti, forse il primo rimedio farmacologicamente efficace per l’impotenza, sildenafil (nome commerciale Viagra), nel 1990 ha provocato un’ondata di attenzione del pubblico, spinto in parte dalla notizia del merito di storie su di esso e la pubblicità pesante.
 Tuttavia, la stigma sociale, bassa alfabetizzazione sanitaria e  tabù sociali portano ad una  sotto segnalazione che rende un tasso di prevalenza accurata difficile da determinare.
Il termine latino impotentia coeundi descrive la semplice incapacità di inserire il pene in vagina.

 

L’eiaculazione precoce
 
L’eiaculazione precoce è quando l’eiaculazione si verifica prima che il partner raggiunga l’orgasmo. Non vi è alcun corretta lunghezza di tempo per un rapporto soddisfacente, ma generalmente, l’eiaculazione precoce si verifica quando  avviene in meno di 2 minuti dal momento dell’inserimento del pene. Per una diagnosi, il paziente deve avere una storia cronica di eiaculazione precoce, scarso controllo eiaculatorio, e il problema deve provocare sensazioni di insoddisfazione e disagio al paziente, il partner o entrambi.
Storicamente attribuita a cause psicologiche, nuove teorie suggeriscono che l’eiaculazione precoce può avere una causa neurobiologica sottostante.

 

Disturbi dell’orgasmo: anorgasmia

I disturbi dell’orgasmo sono persistenti ritardi o assenza di orgasmo dopo una normale fase di eccitazione sessuale. Il disturbo può avere origini fisiche, psicologiche, o farmacologiche. Antidepressivi SSRI sono un colpevole farmaceutico comune, in quanto possono ritardare l’orgasmo o eliminarlo del tutto.

 

Disturbi del dolore sessuale

I disturbi del dolore sessuale colpiscono quasi esclusivamente le donne e sono conosciuti anche come dispareunia (rapporti sessuali dolorosi) o vaginismo (uno spasmo involontario dei muscoli della parete vaginale che interferisce con il rapporto sessuale).
La dispareunia può essere causato da lubrificazione insufficiente (secchezza vaginale) nelle donne. La lubrificazione potrebbe essere compromessa da eccitazione e stimolazione insufficiente, o da cambiamenti ormonali causati dalla menopausa,  gravidanza, o allattamento; irritazione da creme contraccettive e schiume può anche causare secchezza, come la paura e l’ansia circa il sesso.
Non è chiaro esattamente che cosa causi il vaginismo, ma si pensa che il trauma sessuale passato (come lo stupro o abuso) possano giocare un importante ruolo. Un altro disturbo femminile si chiama vulvodinia o vestibolite vulvare. In questa condizione, le donne sperimentano dolore bruciante durante il sesso, che sembra essere correlato a problemi con la pelle nelle zone di vulva e della vagina. La causa è sconosciuta.

 

Non comuni disturbi sessuali negli uomini

La disfunzione erettile da malattia vascolare di solito si sviluppa solo tra gli individui anziani che hanno l’aterosclerosi. La  malattia vascolare è comune nelle persone che hanno il diabete, malattia vascolare periferica, ipertensione e coloro che fumano. Qualsiasi compromissione del flusso di sangue al pene, provoca la disfunzione erettile.
Il Ddeficit di ormone è relativamente rara causa di disfunzione erettile. In soggetti con insufficienza testicolare come nella sindrome di Klinefelter, o quelli che hanno subito  radioterapia, la chemioterapia o esposizione dei bambini al virus della parotite, i testicoli possono fallire e non produrre testosterone. Altre cause ormonali di insufficienza erettile includono i tumori cerebrali, ipertiroidismo, ipotiroidismo o disturbi della ghiandola surrenale.
Anomalie strutturali del pene come la malattia di Peyronie può rendere difficile il rapporto sessuale. La malattia è caratterizzata da fasce fibrose spesse del pene, che porta ad una deformazione del pene.
Anche le droghe sono  causa di disfunzione erettile, così come  l’uso di  farmaci per abbassare la pressione sanguigna,  antipsicotici, antidepressivi, sedativi, narcotici, antiacidi o alcool possono avere problemi con la funzione sessuale e la perdita di libido.
Il Priapismo è un’erezione dolorosa che si verifica per diverse ore e si verifica in assenza di stimolazione sessuale. Questa condizione si sviluppa quando il sangue viene intrappolato nel pene e non è in grado di drenare fuori. Se la condizione non viene trattata tempestivamente, può portare a gravi cicatrici e permanente perdita della funzione erettile. Il disturbo si verifica in giovani uomini e bambini.

 

Cause
 
Ci sono molti fattori che possono provocare una disfunzione sessuale,  emotivi o fisici. Fattori emotivi includono problemi interpersonali o psicologici, che possono essere il risultato di depressione, paure sessuali o sensi di colpa, trauma sessuale passato, disturbi sessuali.  
La disfunzione sessuale è particolarmente comune tra le persone che hanno disturbi d’ansia, negli uomini senza problemi psichiatrici, ma disturbi clinicamente diagnosticabili come il disturbo di panico che causa evitamento del rapporto sessuale e l’eiaculazione precoce. Il dolore durante il rapporto sessuale è spesso una comorbidità di disturbi d’ansia tra le donne.
Fattori fisici che possono portare a disfunzioni sessuali includono l’uso di farmaci, come ad esempio l’alcool, nicotina, narcotici, stimolanti, antipertensivi, antistaminici, e alcuni farmaci psicoterapeutici.  Per le donne, quasi ogni cambiamento fisiologico che colpisce il sistema riproduttivo-premestruale, gravidanza, parto, menopausa, può avere un effetto negativo sulla libido. Le lesioni alla schiena possono influire anche sull’attività sessuale, come farebbe con un ingrossamento della prostata, problemi di alimentazione, danni ai nervi del sangue (come nelle lesioni del midollo spinale). Malattie, come la neuropatia diabetica, sclerosi multipla, tumori e, raramente, sifilide terziaria può anche avere un impatto sull’attività sessuale, come  problemi a   diversi sistemi di organi (come cuore e polmoni), malattie endocrine (tiroide, ipofisi, surrene o problemi della ghiandola), carenze ormonali (testosterone basso, altri androgeni o estrogeni) e di alcuni difetti di nascita.
Diverse teorie hanno esaminato la disfunzione sessuale femminile, da prospettive psicologiche e mediche. Sono emerse tre teorie sociali psicologiche : la teoria della percezione di sé, l’ipotesi della sovragiustificazione , e l’ipotesi della giustificazione insufficiente:

   1. Teoria della percezione di sé: le persone fanno attribuzioni circa i propri atteggiamenti, sentimenti e comportamenti basandosi su osservazioni di comportamenti esterni e circostanze in cui si verificano tali comportamenti
   2. Ipotesi si sovragiustificazione: quando viene data una ricompensa esterna a una persona per l’esecuzione di una attività intrinsecamente gratificante; l’ interesse intrinseco della persona diminuirà.
   3. Giustificazione insufficiente: basata sulla classica teoria della dissonanza cognitiva (incoerenza tra due cognizioni o tra una conoscenza e un comportamento creerà tale disagio) in cui venga alterata una delle cognizioni e comportamenti per ripristinare la coerenza e ridurre la sofferenza.
L’importanza di come una donna percepisce il suo comportamento non deve essere sottovalutata. Molte donne percepiscono il sesso come un lavoro di routine al contrario di un’esperienza piacevole, e tendono a considerarsi sessualmente inadeguate, che a sua volta, porta ad una non motivazione  e al non impegno nelle attività sessuali. Diversi fattori influenzano la percezione della vita sessuale delle donne, questi possono includere: la razza, il sesso, etnia, cultura, lo stato socio-economico, l’orientamento sessuale, le risorse finanziarie, la cultura e la religione. Le differenze culturali sono presenti anche nel modo in cui le donne vedono la menopausa e il suo impatto sulla salute, immagine di sé e la sessualità. Nel contesto delle relazioni eterosessuali, una delle ragioni principali del declino dell’attività sessuale tra le coppie è che  il partner maschile soffre di disfunzione erettile.  Questo può essere molto doloroso per il partner maschile, causa scarsa autostima e può anche essere una fonte importante di calo del desiderio. Nelle donne con  l’invecchiamento, è naturale che la vagina si restringa e diventi atrofizzata. Se una donna non ha avuto un’attività sessuale regolare (in particolare, quelle attività che comportano la penetrazione vaginale) con il suo compagno, se decide di impegnarsi in un rapporto penetrativo, non sarà in grado di accogliere immediatamente un pene senza dolore o  rischiare delle  lesioni, questo può trasformarsi in un circolo vizioso, che spesso conduce alla  disfunzione sessuale femminile.

 

La menopausa

La ricerca sulla disfunzione sessuale è più difficile nelle donne in menopausa a causa dei cambiamenti che stanno avvenendo nel corso dello stato fisiologico specifico.  Il sistema di risposta sessuale femminile è complesso e ancora oggi, non pienamente compreso. La più diffusa delle disfunzioni sessuali femminili collegata alla menopausa include la mancanza di desiderio e della libido, questi sono prevalentemente associati alla  fisiologia ormonale, in particolare, è il calo degli estrogeni nel siero che provoca questi cambiamenti nella funzione sessuale.. Anche l’esaurimento degli androgeni, può svolgere un ruolo importante , ma al momento questo è meno chiaro. I cambiamenti ormonali che avvengono durante la transizione menopausale influenzano la risposta sessuale delle donne attraverso diversi meccanismi, alcuni più conclusivi di altri.
Molti studi hanno dimostrato i profondi cambiamenti nel funzionamento sessuale che possono avvenire durante questa fase di transizione. Gli studi hanno dimostrato che ben il 25% delle donne in menopausa sono in grado di provare l’orgasmo, il 20% ha riferito alcun piacere con il sesso, e un altro 20% ha avuto difficoltà di lubrificazione. Anche se ci sono state controversie se questi problemi sono dovuti a cause di invecchiamento o se sono specifici per la transizione della menopausa, sembra che la maggioranza degli studi siano giunti alla conclusione che, la  diminuzione dell’ interesse sessuale e la soddisfazione sessuale sono dovuti alla menopausa.  

 

La terapia ormonale sostitutiva

La terapia di sostituzione ormonale (HRT) ha la capacità di migliorare la soddisfazione sessuale di una donna. Gli estrogeni sono responsabili per il mantenimento del collagene, fibre elastiche, del tratto urogenitale, che sono tutti importanti nel mantenere la struttura vaginale e integrità funzionale , ma sono anche importanti per mantenere il pH vaginale e livelli di umidità, i quali mantengono i tessuti ingrassati e protetti. La carenza estrogenica prolungata porta ad atrofia, fibrosi, e riduzione del flusso di sangue al tratto urogenitale, che è ciò che provoca. i sintomi della menopausa, come secchezza vaginale e dolore correlato all’attività sessuale e / o di rapporti sessuali. E ‘stato ampiamente dimostrato che le donne con il funzionamento sessuale inferiore hanno più bassi livelli di estradiolo.
Anche se terapie di sostituzione degli estrogeni (ERT) e HRTS hanno dimostrato di essere efficaci per il trattamento di atrofia vaginale, non vi sono state prove coerenti che suggeriscono che queste terapie aumentino il desiderio sessuale o attività sessuale, pertanto, molte donne con disfunzioni sessuali rimangono insensibili . Ci sono due grandi categorie per la gestione del benessere sessuale durante la menopausa: trattamenti farmacologici che cercano di correggere queste difficoltà, e gli interventi psicologici. A causa della complessità del sistema riproduttivo femminile, che include un aspetto psicologico, non è sorprendente che un Viagra femminile non risulti efficace. Sia il trattamento che la gestione del funzionamento sessuale durante il periodo della menopausa dovrebbero essere basati sulla  storia di salute e sulle esigenze attuali del paziente.

 

L’invecchiamento

Questa è un’altra area di polemiche, poiché  l’invecchiamento colpisce direttamente il funzionamento sessuale delle donne durante la menopausa. Tuttavia, molti studi tra cui Hayes e Dennerstein, hanno dimostrato che l’invecchiamento ha un forte impatto sulla funzione sessuale e la disfunzione nelle donne, in particolare nelle aree del desiderio, interesse sessuale, e la frequenza dell’orgasmo. In aggiunta , alcuni studiosi, hanno scoperto che è importante capire come i cambiamenti fisiologici in uomini e donne possono influenzare il loro desiderio sessuale. Nonostante l’impatto apparentemente negativo che la menopausa può avere sulla sessualità e sul funzionamento sessuale, la fiducia sessuale e il benessere possono migliorare con l’età e la menopausa; inoltre, l’impatto che un stato di relazione può avere sulla qualità della vita è spesso sottovalutata.
Il Testosterone, insieme con il suo metabolita, sono estremamente importanti per il normale funzionamento sessuale in uomini e donne. Diidrotestosterone è l’androgeno più diffuso negli uomini e nelle donne. I livelli di testosterone nelle donne a 60 anni sono, in media, circa la metà di quello che erano prima dei 40 anni; anche se questo declino è graduale per la maggior parte delle donne, quelle che hanno subito forectomia bilaterale, hanno avuto un improvviso calo dei livelli di testosterone; questo perché le ovaie producono il 40% del testosterone circolante del corpo Il desiderio sessuale è stata correlato a tre componenti separati : unità, credenze e valori, e la motivazione.

 

Disturbi sessuali da DSM

La quarta edizione del Manuale Diagnostico e Statistico dei Disturbi Mentali elenca le seguenti disfunzioni sessuali:

    * Disturbo da desiderio sessuale ipoattivo

    * Disturbo avversione sessuale (evitare o mancanza di desiderio di rapporti sessuali)
    * Disturbo dell’eccitazione sessuale femminile (fallimento della normale lubrificazione  di eccitazione)
    * Disturbo erettile maschile
    * Disturbo dell’Orgasmo Femminile (anorgasmia)
    * Disturbo dell’Orgasmo Maschile (anorgasmia)
    * Eiaculazione precoce
    * Dispareunia
    * Vaginismo

 Ulteriori disturbi sessuali che non sono disfunzioni sessuali comprendono:

    * Parafilie
    * PTSD a causa di mutilazioni genitali o di abuso sessuale infantile

 

 

Altri problemi sessuali

    * Insoddisfazione sessuale
    * Mancanza di desiderio sessuale
    * Anorgasmia
    * Impotenza
    * Malattie sessualmente trasmissibili
    * Ritardo o assenza di eiaculazione, nonostante un’adeguata stimolazione
    * Incapacità di controllare tempi di eiaculazione
    * Incapacità di rilassare i muscoli vaginali abbastanza per permettere il rapporto
    * Lubrificazione vaginale inadeguata durante il rapporto
    * Il dolore che brucia sulla vulva o nella vagina al contatto con quelle aree
    * Infelicità o confusione relative all’ orientamento sessuale
    * Persone transessuali e transgender possono avere problemi sessuali (prima o dopo l’intervento chirurgico), anche se in realtà essere transgender o transessuali non è un problema sessuale in sé.
    * Sindrome di eccitazione sessuale persistente
    * Dipendenza sessuale
    * Ipersessualità
    * Tutte le forme di mutilazione genitale femminile

Il trattamento per i maschi

Dal momento che in molti uomini la causa della disfunzione sessuale è legata ad ansia da prestazione, la psicoterapia può aiutare. L’ansia situazionale nasce da un precedente incidente o dalla mancanza di esperienza. Questa ansia porta spesso allo sviluppo di paura verso l’attività sessuale e desensibilizzazione del pene. In alcuni casi, la disfunzione erettile può essere dovuta alla disarmonia coniugale. Sedute di consulenza matrimoniale sono raccomandate in questa situazione.
Cambiare stile di vita come la sospensione del fumo, droga o alcol possono anche aiutare in alcuni tipi di disfunzione erettile. Diversi farmaci come il Viagra, Cialis e Levitra aiutano le persone con disfunzione erettile,  questi funzionano in circa il 60% degli uomini, nei rimanenti,  i farmaci potrebbero non funzionare a causa di una diagnosi sbagliata o disturbo   cronico.
Un altro tipo di farmaco che è efficace in circa l’ 80% degli uomini è chiamato farmacoterapia intracavernosa che comporta l’iniezione di un farmaco vasodilatatore direttamente nel pene, al fine di stimolare l’erezione . Questo metodo ha un aumentato rischio di priapismo se utilizzato in combinazione con altri trattamenti, e il dolore localizzato.

 

Il trattamento per le femmine

Anche se non ci sono farmaci approvati per affrontare disturbi sessuali femminili, molti sono sotto inchiesta per la loro efficacia. Un dispositivo di vuoto è l’unico dispositivo medico approvato per disturbi dell’eccitazione e l’orgasmo. È stato progettato per aumentare il flusso di sangue alla clitoride e genitali esterni. Alle donne che hanno dolore durante i rapporti, sono spesso prescritti antidolorifici o agenti desensibilizzanti, oppure  lubrificanti e / o terapia ormonale. A molti pazienti con disfunzione sessuale femminile viene spesso consigliata consulenza psico-sociale. [21]
La terapia androgena è un metodo di trattamenti farmacologici che è stato usato per il disordine da desiderio sessuale ipoattivo. Questo è generalmente più comune fra le donne che hanno avuto una ovariectomia o che si trovano in uno stato di post-menopausa. Tuttavia, come la maggior parte dei trattamenti, anche questo è discutibile. Come con tutti i farmaci ci sono effetti collaterali nell’utilizzo di androgeni, che includono acne , aumento delle lipoproteine ​​ad alta densità, rischi cardiovascolari, e l’iperplasia endometriale è una possibilità in donne senza isterectomia. Trattamenti alternativi includono creme estrogeni topici e gel che può essere applicato alla vulva o nell’area  della vagina per trattare secchezza e atrofia vaginale.

Studi clinici

Il primo  vero e proprio studio clinico di problemi sessuali è di solito datato  nel 1970, quando fu pubblicato il manuale  dell’ umana incapacità sessuale di Johnson.
Prima di Masters e Johnson l’approccio clinico ai problemi sessuali è in gran parte derivato dal pensiero di Freud. Si pensava  che la psicopatologia non potesse dare la possibilità di aiuto o di miglioramento. I problemi sessuali erano solo sintomi di un malessere più profondo e l’approccio diagnostico era quello  psicopatologico. C’era poca distinzione tra difficoltà nella funzione e perversione e problemi. Nonostante il lavoro di molti psicoterapeuti, le difficoltà sessuali sono state grossolanamente suddivise in frigidità o impotenza, termini che troppo presto hanno acquisito una connotazione negativa nella cultura popolare.
 Masters e Johnson hanno visto che il sesso era un atto comune. Essi credevano che la comunicazione sessuale fosse la questione chiave per i problemi sessuali non le specificità di un problema individuale.
Nel definire la gamma di problemi sessuali Masters e Johnson hanno definito un confine tra disfunzioni e deviazioni. Le disfunzioni erano transitorie e con esperienza per la maggioranza delle persone, disfunzioni delimitate sono: impotenza maschile primaria o secondaria, eiaculazione precoce per gli uomini; per le donne:  disfunzione orgasmica e disfunzione orgasmica situazionale, dolore durante il rapporto sessuale (dispareunia) e vaginismo. Secondo Masters e Johnson tanto l’eccitazione sessuale tanto l’orgasmo sono normali processi fisiologici di ogni adulto funzionalmente intatti, ma poiché sono processi autonomi, possono essere inibiti. Il programma di trattamento di Masters e Johnson per la disfunzione era di successo per la maggior parte dei casi.

Dott. Pierpaolo Casto - Psicologo e Psicoterapeuta - Specialista in Psicoterapia Cognitiva e Comportamentale - PER APPUNTAMENTO: Viale Mazzini, 76 CASARANO ( Lecce ) Tel. 328 9197451 © 2016 Frontier Theme
IL VIDEOCORSORICHIEDILO