Il Viagra per le donne

VIAGRA DONNE

IL VIAGRA PER LE DONNE

A differenza delle capsule blu, che agiscono nel sistema vascolare degli uomini, il Lybrido mira ad aumentare il desiderio sessuale delle donne, come stimolante neurotrasmettitore.
Negli Stati Uniti, un farmaco che è in fase di test con 420 donne promette di causare la stessa rivoluzione che si è avuta per le donne con i contraccettivi: il farmaco che si propone di risvegliare il desiderio sessuale delle donne.
La ricerca di questi tipo di farmaci è attiva già’ da più di un decennio, in corrispondenza dell’immissione sul mercato del viagra, nel 1998, che ha mostrato quanto una pillola per curare la disfunzione sessuale.
La pillola del desiderio femminile è più difficile da sviluppare rispetto al viagra e ai test scientifici per determinare il desiderio della donna ma non sono molto soddisfacenti. I parametri coinvolti nella ricerca sono le misurazioni della pressione del sangue vaginale, la frequenza e la dilatazione della pupilla alla visione di un contenuto pornografico. Tuttavia, il desiderio femminile non è accessibile solo con gli stimoli dell’organo sessuale.
Il farmaco è stato sperimentato da una società di ricerca specializzata nella biochimica della disfunzione sessuale femminile. Solo una parte della formula utilizza il principio attivo del viagra ed è meno legata all’irrigazione degli organi sessuali. L’altra parte intende agire nel cervello, nelle zone che stimolano la produzione di dopamina, il neurotrasmettitore legato al piacere. L’idea è di agire nel cervello in modo che sia più ricettivo agli impulsi erotici e alla dopamina.
Quando si ha uno stress emotivo, la mancanza di desiderio viene chiamata disturbo di ipoattività sessuale. Questo tipo di disturbo raggiunge il 20% delle donne tra i 20 e 60 anni ma si stima che la percentuale raggiunga il 30% , comprese coloro che non hanno subito interventi chirurgici. Apparentemente, le attività monogami e l’eccesso sono la principale causa della mancanza di libido femminile. La ricerca indica che, nei rapporti di più di quattro anni, il desiderio della donna diminuisce notevolmente, mentre nell’uomo rimane stabile.

L’altro possibile “Viagra” – Tefina
Ci sono donne che non riescono a raggiungere l’orgasmo (condizione nota come anorgasmia o sindrome di Coughlan ) o, a seconda dei casi, non hanno il desiderio di avere rapporti sessuali. È interessante notare che una delle possibili soluzioni a questi problemi non è una pillola (come nel caso degli uomini) ma uno spray nasale.
In collaborazione con un laboratorio di farmacia dell’università di Liegi (Belgio), la società canadese Trimel Pharmaceuticals ha sperimentato una sorta di “viagra femminile”. Il prodotto contiene testosterone e viene somministrato alla mucosa nasale , che è ricco di vasi sanguigni, e la sostanza viene assorbita in modo rapido. Una volta nel corpo, il testosterone aiuta a stimolare il desiderio sessuale e il piacere nel rapporto.
Aumentare un ormone, però, può portare alla perdita della libido, nelle donne, e, negli, uomini la perdita del desiderio sessuale e può essere legato all’aumento della prolattina, condizione comune, ma, a volte, poco indagata dai medici.
L’iperprolattinemia, invece, è l’aumento dei livelli dell’ormone prolattina nel sangue ed è una causa di diminuzione della libido e della fertilità. Il problema colpisce entrambi i sessi, anche se è più frequente tra le donne.
La prolattina, prodotta dalla ghiandola pituitaria, agisce principalmente per la produzione di latte materno e per l’allattamento al seno. Ha anche funzioni del sistema immunitario, anche se non essenziali.
E’,quindi, naturale l’aumento dei livelli ormonali nelle donne in gravidanza e dopo il parto. Modifiche al di fuori di questo periodo e in qualsiasi fase della vita, per gli uomini, è segno di difficoltà. Sono considerati tassi normali tra 2 e 23,3ng / ml di sangue nell’organismo femminile e da 2 a 15.2 ng / mL in quello maschile.
L’aumento della prolattina, inoltre, inibisce gli ormoni che stimolano le ghiandole sessuali (testicoli e ovaie). Le donne avranno irregolarità nel ciclo mestruale e problemi nella produzione di latte. Negli uomini, dopo la caduta della libido e della fertilità, può causare impotenza.
Circa il 10% e il 15% delle donne affette da oligomenorrea (mestruazioni con intervalli superiori a 45 giorni) hanno iperprolattinemia.
La stanchezza, lo stress, l’ansia e la mancanza di sonno può influenzare il desiderio sessuale

Endometriosi e anemia
Secondo gli esperti, tra i principali motivi per la mancanza di desiderio sessuale sono la stanchezza e lo stress. Oltre ai fattori come ansia, depressione, poco sonno, anemia, infezioni, vi è anche, nelle donne, l’endometriosi. Ci sono anche delle fasi delle donne che possono contribuire alla perdita della libido, come la gravidanza, per esempio. Un’altra fase che influenza il desiderio sessuale femminile è la menopausa, a causa della atrofia della parete vaginale.

Dott. Pierpaolo Casto - Psicologo e Psicoterapeuta - Specialista in Psicoterapia Cognitiva e Comportamentale - PER APPUNTAMENTO: Viale Mazzini, 76 CASARANO ( Lecce ) Tel. 328 9197451 © 2016 Frontier Theme