Depressione ed erezione: Come la depressione può incidere

Depressione ed erezione: Come la depressione può incidere sulla salute sessuale

La depressione colpisce praticamente ogni aspetto della vita di una persona, e la vita sessuale non fa eccezione. Come si suol dire, il cervello è l’organo sessuale più importante di tutti; dal momento che la depressione è una malattia centrata nel cervello, non c’è da meravigliarsi se le disfunzioni sessuali e la depressione sono spesso collegate tra di loro.
Per definizione, le persone con depressione sperimentano una riduzione o assenza di piacere o di interesse per le attività che precedentemente erano interessanti o piacevoli.
Anche se questo può fare riferimento a cose semplici come impegnarsi in un hobby, l’interesse per il sesso e il piacere dei rapporti sessuali sono suscettibili ad essere colpiti dalla depressione.
E, manco a dirlo, quando una persona non è più interessata al sesso o non è in grado di provare piacere, il partner sessuale della persona sarà anch’egli influenzato.
Purtroppo, la depressione spesso ha il ceppo nelle relazioni, il che rende i rapporti sessuali più impegnativi.
La perdita della capacità di provare piacere può portare ad un minore desiderio per i rapporti sessuali, questa perdita di libido non è rara.
Negli uomini, la perdita di libido può essere collegata alla disfunzione erettile.
L’attività sessuale dipende da un rapporto di lavoro tra corpo e mente e la depressione può interrompere questo rapporto. Gli uomini con depressione possono sperimentare la disfunzione erettile, che può innescare un circolo vizioso di ansia da prestazione sessuale, seguita da una rinnovata disfunzione erettile, che non fa che peggiorare l’ansia da prestazione.
La depressione e la sessualità possono essere intimamente intrecciate in altri modi; ad esempio, le vittime di abusi sessuali o violenza sessuale sono più propense a sperimentare grave depressione.
La ricerca suggerisce che alcune persone depresse hanno maggiori probabilità di impegnarsi in comportamenti sessuali a rischio, come quello di avere rapporti sessuali non protetti o con partner multipli. Naturalmente, questo tipo di comportamento, mette una persona a rischio di contrarre un qualsiasi numero di malattie sessualmente trasmissibili.
La menopausa offre un altro esempio del legame tra depressione e sessualità.
Le donne in fase di menopausa sono più inclini a sviluppare la depressione, i cambiamenti del desiderio e l’attività sessuale.
Alcuni dei cambiamenti fisici e ormonali durante la menopausa possono minare la libido di una donna e la sua capacità di impegnarsi nel sesso piacevole.

Depressione e disfunzione sessuale

Circa il 70% delle persone con depressione sperimenteranno disfunzioni sessuali.
Gli uomini possono sperimentare la disfunzione erettile (disfunzione erettile), un calo del desiderio sessuale e le difficoltà eiaculatorie.
Tra le donne depresse, il tasso di disfunzione sessuale è stimato oscillare tra il 33-90 per cento. La depressione correlata alla disfunzione sessuale tra le donne di solito prende la forma di difficoltà ad eccitarsi (come la secchezza vaginale) e l’incapacità di raggiungere l’orgasmo o avere l’orgasmo ritardato.

A volte la soluzione è parte del problema?

I farmaci, soprattutto gli antidepressivi moderni, sono inibitori della ricaptazione della serotonina (SSRI). Questi farmaci sono spesso efficaci per alleviare i sintomi della depressione, con l’ulteriore vantaggio che tendono ad avere un minor numero di effetti collaterali rispetto ai vecchi farmaci, come gli antidepressivi triciclici.
Gli antidepressivi moderni, rendono la depressione una malattia curabile e svolgono un ruolo nella rimozione dello stigma a lungo associato con questo disturbo psichiatrico comune.
Ma quando si tratta di salute sessuale, gli antidepressivi moderni (soprattutto SSRI) sono spesso parte del problema per i pazienti che li assumono, perché la disfunzione sessuale è un effetto collaterale comune di questi farmaci. Il segno più comune di questo effetto collaterale è l’effetto negativo sul desiderio sessuale e l’orgasmo ritardato o assente, tra uomini e donne. Gli uomini possono anche sperimentare difficoltà a raggiungere e mantenere l’erezione.
Dal punto di vista del medico curante, il problema più grande presentato da questo effetto collaterale è che può portare i pazienti ad interrompere la terapia; ciò, può causare la ricaduta nella depressione prima che il trattamento possa portare al successo.
Gli effetti collaterali, come la disfunzione sessuale, spesso possono essere affrontati regolando il dosaggio o il passaggio ad un altro farmaco simile. Alcuni farmaci antidepressivi sono associati a meno effetti collaterali sessuali rispetto ad altri, inoltre può essere pericoloso interrompere bruscamente la cura.
Lo specialista può anche raccomandare l’uso di farmaci che possono aiutare gli uomini a raggiungere e mantenere l’erezione; farmaci come il sildenafil (Viagra) e tadalafil (Cialis) possono aiutare i pazienti a contrastare la disfunzione sessuale associata all’uso di SSRI.

CHI SIAMO: Tutti gli Articoli di questo Sito sono curati dal Dott. Pierpaolo Casto - Psicologo e Psicoterapeuta - Specialista in Psicoterapia Cognitiva e Comportamentale *PER CONTATTI: Via Magenta, 64 CASARANO (Lecce) Tel. 328 9197451 - 0833 501735 - Part. IVA 03548820756
Dott. Pierpaolo Casto - Psicologo e Psicoterapeuta - Specialista in Psicoterapia Cognitiva e Comportamentale - PER APPUNTAMENTO: Via Magenta, 64 CASARANO ( Lecce ) Tel. 328 9197451 - 0833 501735 - Part. IVA 03548820756 © 2018 Frontier Theme
WhatsApp SCRIVI AL Dott. Pierpaolo Casto